Vermexio, Sullo si è dimesso da presidente del Consiglio dopo l’accusa di favoreggiamento contro Simona Princiotta

Leone Sullo
Leone Sullo

SIRACUSA – Alla fine il presidente del Consiglio comunale di Siracusa, Leone Sullo, indagato in questi giorni per favoreggiamento, assieme ad alcuni consiglieri comunali (Roberto Di Mauro, e Giuseppe Assenza di Forza Italia, e Alberto Palestro di Siracusa Democratica, poliziotto alla Digos di Siracusa),  nella campagna denigratoria e della macchina del fango nei confronti della consigliera comunale del Pd, Simona Princiotta.

Colpevole, secondo i suoi colleghi dell’assise aretusea, di aver scoperchiato la pentola degli affidamenti diretti, e degli interessi nella gestione degli asili nido, degli impianti sportivi, e del telesoccorso. E non ultimo il campo estivo per ragazzi disagiati “Zuimama”. Con loro, come scritto in questi giorni, anche due dirigenti di settore (Rosario Pisana e Rosaria Garufi) e funzionari del Comune, oltre alla presidente dell’associazione “Zuimama”.

Leone Sullo, come ha riferito la stessa Princiotta nella conferenza stampa di ieri tenuta con il parlamentare nazionale del Partito Democratico, Pippo Zappulla, sarebbe responsabile di aver fatto da tramite, di aver cercato, in un incontro con la consigliera comunale, di convincerla a lascia perdere le denunce ed evitare di toccare “gli interessi” del gruppo di consiglieri.

Insomma, si sarebbe lavorato per zittire Simona Princiotta che invece, seppur isolata dal suo gruppo, il Pd, al quale aveva aderito dopo essere stata eletta all’opposizione, nella lista civica di centrodestra Lista Mangiafico, ha continuato come un fiume in piena a scoperchiare quello che ha sempre ritenuto illegale.

In questi giorni a chiedere le dimissioni di Leone Sullo erano stati il portavoce di “Progetto Siracusa”, Ezechia Paolo Reale, e il coordinatore dell’area riformista del Pd, Turi Raiti, al quale aderisce la Princiotta.

Questa mattina il tutto è stato formalizzato con una lettera nelle mani del sindaco Giancarlo Garozzo e della segretaria generale del Comune, Danila Costa.

Da questo momento Sulla sarà più libero di difendersi dalle accuse e di “reclamare” , come ha scritto, “la mia innocenza”.

«Difenderò nelle opportune sedi la mia onorabilitàha detto e scritto Sullomanifestando piena fiducia nell’operato della magistratura e delle forze dell’ordine che, ne sono certo, faranno piena luce sulla vicenda. Allo scopo di difendermi con maggiore serenità dalle contestazioni mossemi e, soprattutto, per il profondo rispetto che nutro per le Istituzioni, per la carica che ricopro e per l’intero Consiglio comunale, rassegno le mie dimissioni dalla carica di presidente del Consiglio comunale di Siracusa».

L’ex presidente mantiene la carica di consigliere comunale nel gruppo “Democratici per Renzi”.

«Ringrazio i consiglieri comunali per il lavoro svolto assieme – ha aggiunto Leone Sullo, e soprattutto i capigruppo che in questi anni di presidenza mi hanno sempre confortato e aiutato nella gestione dell’Assise e nella scelta degli ordini del giorno. Ringrazio il sindaco, la giunta, il segretario generale, dottoressa Costa, i dirigenti e gli uffici per la fattiva collaborazione nell’affrontare giornalmente i problemi della città e dei siracusani e le questioni di ordine amministrativo. Infine, ringrazio l’Ufficio di presidenza che sin dal giorno del mio insediamento ha dimostrato professionalità e serietà nel lavoro, anche nei momenti più difficili. Adesso – ha concluso – il mio impegno continua dai banchi del Consiglio comunale, forte dell’esperienza e delle conoscenze accumulate in questi due anni».

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *