“Giustizia e Verità per Lele Scieri”, giovedì migliaia di e-mail al Parlamento per la commissione d’inchiesta sulla sua morte

scieri_lele5Siracusa – Una campagna di sensibilizzazione nata su Facebook, ma che trova la condivisione anche del nostro giornale, per chiedere “Giustizia e Verità per Lele Scieri”, il giovane parà siracusano morto in circostanze misteriose, ma per molti vittima del “nonnismo”, 15 anni fa all’interno della caserma Gamerra di Pisa.

Quel gruppo spontaneo nato sul social network ha raggiunto oltre 6000 adesioni e giovedì 6 novembre 2014, lancerà la campagna di sensibilizzazione rivolta ai parlamentari di Montecitorio, per chiedere che si faccia luce e giustizia sulla morte di Lele Scieri. La campagna prevede l’invio di una e-mail a tutti i deputati nazionali per chiedere di firmare la proposta di legge presentata dalla parlamentare siracusana Sofia Amoddio, e sostenuta anche da altri parlamentari, per l’istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta che faccia luce sulle verità ancora celate.

Un’azione concreta, affinchè la proposta di legge sia inserita in tempi brevi all’ordine del giorno dei lavori della Camera dei Deputati e sia votata. Per questo verrà inviata a tutti i deputati la richiesta di sottoscrivere la proposta di legge n. 2410 del 27.5.2014 dell’on. Sofia Amoddio.

La scelta della data del 6 novembre non è casuale, ma è l’anniversario della laurea in Giurisprudenza di Lele Scieri, nel 1998, un anno prima di essere ucciso.

I membri del gruppoVerità e Giustizia per Lele Scieri” si aspettano che i rappresentanti in Parlamento siano sommersi da migliaia di mail e, per questo, chiedono l’aiuto di tutti: sulla pagina del gruppo Facebook “Verità e Giustizia per Lele Scieri”, sarà possibile recuperare il testo della mail e gli indirizzi a cui inviarla.

Nello stesso giorno del 6 novembre, il Consiglio comunale di Siracusa ribadirà quanto già sostenuto e richiesto con la delibera n.41 del 7 aprile 2014: cioè, la necessità dell’istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *