Il Città di Siracusa riassapora la vittoria in trasferta battendo 1-0 la Leonfortese

Andrea Sottil
Andrea Sottil

LEONFORTE – Il Città di Siracusa ritorna a vincere in trasferta. Successo per 1-0 sul campo della Leonfortese al termine di una gara ben interpretata dalla squadra di Sottil.  A decidere, al 46’ del primo tempo, il capocannoniere Emanuele Catania.

Leonfortese: Valenti, Castro, Chiazzese, Pettinato (81’ Prestigiacomo), Adamo, Calabrese, Costanzo Giu., Viscido, Cortese, Speciale (46’ Mittica), Caputa (63’ Lo Coco). A disposzione: Costanzo Gio, Raimondi, Prestigiacomo, Liuzzo, Tarantino, Protopapa, Mittica, Messina, Lo Coco.

All: Mirto.

Città di Siracusa: Viola, Rizzo, Barbiero, Baiocco, Vindigni, Orefice, Longoni (86’ Sibilli), Giordano, Crocetti (72’ Dezai), Catania, Palermo (77’ Spinelli). A disposizione: Evola, Santamaria, Chiavaro, Monterosso, Sibilli, Spinelli, Mascara, Dezai, Testardi. All: Sottil.

Arbitro: Cavallina di Parma. Assistenti: Taccone di Parma e Collesano di Reggio Emilia.

Reti: 45+1’ Catania.

Ammoniti: Longoni. Espulso: Viscido

Angoli: 1-7 per Città di Siracusa

Per la  gara odierna il tecnico azzurro attua, tenuto conto anche della situazione diffidati, un robusto turn over. Spazio a Barbiero  e Rizzo sugli esterni, Palermo a centrocampo, e Longoni fra le linee.

Ed è proprio quest’ultimo a farsi vivo dopo 5’ di gioco con una conclusione che termina alta. Un minuto dopo, è la volta di Catania, ma con poco fortuna. Sono gli azzurri a fare la gara, mentre i locali preferiscono aspettare per poi ripartire.

Al 12’ la deviazione di Palermo potrebbe sortire effetti positivi, ma l’azione sfuma.  Al 22’ bella combinazione Catania- Crocetti, ma anche la conclusione dell’attaccante fiorentino è da dimenticare.

Minuto 39, Crocetti per Catania che serve Palermo la cui conclusione chiama in causa Valenti. Lo stesso, al 43’, è ancora protagonista sulla conclusione di Baiocco.

Scoppiettante il finale di prima frazione, con il Città di Siracusa che, passa in vantaggio in pieno recupero con Catania in maniera rocambolesca, dopo che prima Baiocco aveva colpito il palo.

Nella ripresa, al 47’ locali pericolosi con una conclusione del nuovo entrato Mittica. La squadra di Sottil controlla il gioco, cercando nello stesso tempo, con le percussioni degli attaccanti, la seconda marcatura.

Al 63’ Mirto mette dentro Lo Coco in luogo di Caputa per migliorare il potenziale offensivo. Quattro minuti più tardi, Viscido si rende protagonista di una scorrettezza ai danni di Longoni, guadagnandosi la via degli spogliatoi.

Sfruttando anche la superiorità numerica e i prevedibili spazi, Sottil al 72’ mette dentro Dezai. Al 77’ è il turno di Fernando Spinelli che prende il posto di un generoso Palermo. Al 81’ Valenti tiene in vita la sua squadra, con una doppia miracolosa parata, prima su Catania e poi su Dezai.

Al 85’ Dezai potrebbe chiudere i conti, ma l’ivoriano non concretizza. Per ben due volte Sibilli spreca il 2-0 ,poi dopo 4 minuti di recupero, gli azzurri possono festeggiare un successo pesante.

Domenica il big match con la Cavese per l’operazione sorpasso.

Per il direttore dell’area tecnica, Antonello Laneri, leonfortese di nascita, una vittoria dal sapore particolare.

«E’ stata la migliore prestazione esternaspiega il dirigente azzurrodobbiamo migliorare in fase offensiva, perché le gare vanno chiuse prima. E’ un buon viatico in vista della gara di domenica prossima, con la Cavese vogliamo assolutamente i tre punti».

Sulla stessa lunghezza d’onda il tecnico Sottil e il capitano Baiocco.

«Vittoria bella, al termine della prestazione più convincente lontano dal nostro pubblicoaggiunge Sottilè la migliore risposta che potevamo dare. Confido nella forza del gruppo, tutti sono indispensabili per il raggiungimento dell’obiettivo. Ci aspetta una settimana ricca di motivazioni».

«Abbiamo dato continuità di gioco e di risultatoafferma Baioccosapevamo dell’importanza di questa gara. Adesso con la Cavese abbiamo bisogno della spinta del pubblico per conquistare finalmente la vetta».

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon0
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *