Canicattini Bagni, arrestato 49enne per maltrattamenti in famiglia, sequestro dei figli, violenza e minacce

(Foto d'archivio)
(Foto d’archivio)

CANICATTINI – Arrestato nella notte a Canicattini Bagni, dai Carabinieri della locale stazione in collaborazione con i colleghi di Buccheri, il 49enne M.G., con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona, violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

Fondamentale, per porre fine all’ennesimo episodio di violenza consumato tra le mura domestiche, la volontà della vittima, la moglie, di denunciare le vessazioni subite sin dall’inizio del loro matrimonio e sfociate in diversi episodi di aggressioni fisiche. Aggressioni che, ormai, erano divenute molto frequenti, scatenate dalle più banali motivazioni.

La donna, però, sperando nel ravvedimento del marito o, forse, temendo ulteriori conseguenze per se stessa e per i due figli, un ragazzo di 13 ed una ragazza di 18 anni, non ha mai fatto ricorso a cure mediche né ha mai denunciato quanto accadeva in casa.

Un’escalation di violenza  che però ha raggiunto l’apice nel corso della tarda serata di ieri quando, al culmine dell’ennesima discussione, l’uomo ha iniziato ad inveire contro la moglie, passando poi la violenza fisica, strattonandola ripetutamente e tirandole i capelli. Divincolatasi, la donna è riuscita ad uscire di casa allontanandosi in macchina per chiedere aiuto.

Da subito, però, il marito ha iniziato a telefonarle per convincerla a rientrare in casa, riferendo che avrebbe lasciato liberi i figli solo quando lei fosse tornata indietro. Ed infatti l’uomo aveva fisicamente bloccato i due figli, tenendoli per il collo ed i capelli.

A questo punto la donna ha contattato il 112 e dopo pochi minuti i Carabinieri sono intervenuti sul posto. Presi contatti con l’uomo al fine di tranquillizzarlo, non appena questi ha socchiuso la porta dell’abitazione, i militari sono entrati in casa bloccandolo e mettendo al sicuro i figli.

Tanta paura per tutti e, per fortuna, solo qualche escoriazione per la donna ed uno dei figli. L’uomo, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso il carcere di Cavadonna.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *