Misure a tutela del pomodoro di Pachino, la parlamentare del Pd, Sofia Amoddio, ha interrogato il governo

Pomodoro_di_PachinoPACHINO – Garanzie a tutela del pomodoro di Pachino, “eccellenza straordinaria” del siracusano, sono state chieste con un interrogazione al Governo dalla parlamentare nazionale Pd, Sofia Amoddio.

«La profonda crisi strutturale patita dai produttori di Pomodoro Pachinoha sottolineato l’on. Amoddiodovuta alle importazioni di pomodoro dai Paesi del nord Africa, alla conseguente saturazione del mercato ed alla concorrenza sleale delle produzioni dei Paesi esteri, non vincolate dalle rigide norme europee sulla produzione e sulla qualità del prodotto, ha creato danni economici irreparabili».

Il ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, con una nota scritta ha risposto alla parlamentare siracusana, precisando che, su pressione dell’Italia, l’Unione Europea monitora costantemente sul rispetto dell’accordo commerciale tra Italia e Marocco e che il Governo italiano ha reso noto in sede europea la necessità di intraprendere azioni mirate ed eccezionali per scongiurare il proseguo della crisi.

Insieme al Ministero degli Esteri ed a quello dello Sviluppo economico, stando alla risposta di Martina, l’Italia ha richiesto con estrema urgenza l’attivazione della clausola di salvaguardia, prevista dall’accordo internazionale.

«Inoltreha aggiunto l’on. Amoddio  – il ministro Martina ha specificato che il Governo si è già attivato per richiedere un intervento in merito al livello dei prezzi di ritiro e per chiedere la proroga fino al giugno 2017 delle misure di sostegno eccezionali, conseguenti all’embargo introdotto dal governo Russo che ha coinvolto anche i produttori di pomodoro. Non posso che apprezzare la volontà del ministro e sono altresì convinta che per raggiungere risultati in Europa, politica regionale e nazionale devono fare fronte comune e garantire agli agricoltori incentivi, misure per la crescita e tutela del prodotto. Intanto – ha concluso Sofia Amoddio – posso asserire con soddisfazione che tra i 42 i tesori del “made in Italy” che la Commissione europea intende difendere nell’ambito dei negoziati del trattato commerciale Ue-Usa (Ttip), è stato inserito per la prima volta, insieme al Parmigiano Reggiano, alla mortadella Bologna e alle più importanti eccellenze agroalimentari italiane, anche il Pomodoro Pachino».

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

RSS
Follow by Email
Linkedln
Share