Continuare a raccontarsi bugie

Una delle tante opere abusive
Una delle tante opere abusive

A volte le bugie sono necessarie per non ferire gli altri, ma esistono dei casi particolari e incredibili.

L’occhio vede, e vede così bene, che dovrebbe procurare dolore al cuore. Invece, in ultima istanza si materializza quella speranza che tutto sia diverso da come appare.

Bene, l’interesse dei media e del popolo sovrano sul post terremoto è concentrato su due aspetti. La certezza che la ricostruzione frutterà enormi vantaggi ai soliti noti e la ricerca spasmodica dei colpevoli da mandare in galera.

La magistratura indaga, sequestra immobili, pubblici e privati, i giornali nel raccontarlo enfatizzano e il popolo sovrano raggiunge orgasmi cosmici.

Insomma, una goduria collettiva.

Però, senza aspettare il prossimo terremoto, che ci sarà, sarebbe interessante un controllo preventivo di tutti gli edifici pubblici e privati, per verificare sia l’aspetto antisismico, sia eventuali abusi. A quel punto, imporre per legge ai Comuni ed ai privati di adeguarsi, a proprie spese alla normativa, costi quel che costi.

Si può fare?

Ecco, siamo tutti disponibili e desiderosi di individuare le responsabilità e gli abusi degli altri, a mandarli tutti in galera, però…

Please follow and like us:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *