Renzi e Berlinguer, differenze

Enrico Berlinguer e Matteo Renzi
Enrico Berlinguer e Matteo Renzi

Non esiste alcun termine di paragone tra i due leader. Manco per sogno.

Tuttavia qualcosina pende a favore dell’attuale premier. Berlinguer era il leader di una forza di lotta e comunque di opposizione, Renzi è il Governo.

Possiamo dire che con tutti i suoi limiti, il passato della politica italiana, ha prodotto e proposto leader di grandi qualità etico-morali, di spessore e di responsabilità.

Oggi l’intero quadro politico, centrale e periferico, di governo e di opposizione, è composto quasi esclusivamente da personale mediocre, sullo scadente.

Ecco, per cogliere queste differenze basta chiedersi se un Di Maio Luigi o un Salvini Matteo, possa, come Palmiro Togliatti, appena uscito dall’anestesia dopo l’attentato subito, invitare il popolo alla calma ed imporre ai suoi di fermare la rivolta in atto.

In assenza di contenuti, oggi, c’è solo lotta per il potere che inevitabilmente si combatte istigando alla violenza.

No. C’è altro.

Il popolo sovrano in fatto di “scarsezza” non scherza. Oggi, come ieri, siamo spiccicati ai politici, anzi i nostri leader sono lo specchio dei nostri limiti.

 

Please follow and like us:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *