Carlentini, fermato dai Carabinieri perchè privo di casco, per evitare il sequestro della moto tenta d’incendiarla

(Foto d'archivio)
(Foto d’archivio)

CARLENTINI – Nella tarda serata di ieri i Carabinieri di Carlentini, hanno tratto in arresto, per resistenza a pubblico ufficiale e tentato incendio, un giovane 21enne A.C., già noto alle forze dell’ordine.

Nel corso di un controllo alla circolazione stradale, i militari dell’Arma hanno fermato il giovane alla guida del proprio ciclomotore, in quanto privo di casco obbligatorio.

A seguito delle contestazioni al codice della strada, il ragazzo opponeva resistenza e, al fine di impedire materialmente il sequestro del ciclomotore, con mossa repentina provvedeva a togliere il tappo del serbatoio facendo fuoriuscire la benzina e con l’accendino appiccava il fuoco al serbatoio del ciclomotore. Solo grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri l’incendio veniva domato per mezzo di un estintore in dotazione all’auto di servizio.

Contestualmente giungeva sul posto il padre del giovane, il quale in difesa del figlio, proferiva anch’egli frasi minacciose nei confronti dei Carabinieri, pertanto veniva segnalato all’autorità giudiziaria quale indagato per minaccia a pubblico ufficiale.

L’arrestato, dopo le procedure di legge, è stato sottoposto agli arresti domiciliari nella propria abitazione.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon0
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *