Ancora un’aggressione ad un agente della Penitenziaria a Cavadonna, la denuncia del Sappe e della Uil FP

Il carcere di Cavadonna

SIRACUSA – Solidarietà e vicinanza del sindacato Sappe e della Uil Funzione Pubblica all’agente della Polizia Penitenziaria del carcere Cavadonna di Siracusa, aggredito, al termine del colloquio con i familiari, da un detenuto.

Calci e pugni nei confronti dell’agente che ferito è stato accompagnato in ospedale assieme al comandante di Reparto che ha accusato un malore.

A denunciare l’ennesima aggressione sono stati Corrado Della Luna, segretario Uil F.P., e Lillo Navarra, segretario regionale del sindacato autonomo, che nello stesso tempo hanno avuto parole di plauso nei confronti del personale del carcere, intervenuto tempestivamente, e con grande coraggio e professionalità ha contenuto l’aggressione e l’intemperanza del detenuto.

«Ricordiamo che la casa circondariale di Siracusaha sottolineato Della Lunalavora sotto organico da parecchio tempo, situazione aggravatasi in questi giorni con l’apertura del nuovo padiglione che conterrà più di 200 detenuti. Assistiamo all’ennesima aggressione perpetrata ai danni della Polizia Penitenziaria di Siracusa che spesso sopperisce con il proprio impegno e il proprio sacrificio a falle e carenze di sistema. Bisogna avere più attenzione alle criticità che viviamo quotidianamente dentro l’istituto penitenziario di Siracusa».

«Questa è l’ennesima aggressione che si registra in un carcere della Siciliaha rimarcato Donato Capece segretario generale Sappee questo dovrebbe seriamente riflettere sulla necessità di adottare opportuni provvedimenti per scongiurare ulteriori fatti violenti contro poliziotti penitenziari».

Please follow and like us:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *