Lentini, deteneva illegalmente una pistola “clandestina”, ai domiciliari il padre di Jonathan Parcella l’uccisore di Panarello

LENTINI – I Carabinieri di Carlentini, nel tardo pomeriggio di ieri, hanno arrestato, con l’accusa di detenzione di arma clandestina, il 53enne Massimo Parcella di Lentini, padre di Jonathan Parcella arrestato lo scorso 3 dicembre per essere stato individuato quale responsabile dell’omicidio di Aldo Panarello, avvenuto 2 giorni prima nel centro abitato di Lentini.

L’uomo, che nella giornata di ieri si era recato presso la stazione Carabinieri di Carlentini, nel corso di una conversazione coi militari, ammetteva di detenere un’arma clandestina presso la propria abitazione.

Il riscontro di quanto dichiarato dal Parcella veniva effettuato immediatamente dopo dagli stessi militari, rinvenendo, nascosta nella camera da letto, una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa, con tanto di caricatore inserito carico di 7 proiettili.

L’arma, posta sotto sequestro, sarà inviata al Ris di Messina per gli accertamenti balistici al fine di verificare il suo utilizzo in precedenti eventi delittuosi.

L’arrestato, dopo le procedure di legge, su disposizioni dell’autorità giudiziaria è stato sottoposto agli arresti domiciliari nella propria abitazione.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon0
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *