Visite in carcere a Totò Cuffaro, la Procura romana rinvia a giudizio 28 persone, tra loro Pippo Gianni e Nunzio Cappadona

Salvatore “Totò” Cuffaro

SIRACUSA – Ritorna alle cronache la vicenda delle visite a Rebibbia all’ex governatore della Sicilia, Totò Cuffaro, durante gli anni della carcerazione a seguito della condanna per fiancheggiamento aggravato alla mafia (oggi Cuffaro ha scontato la sua pena ed uomo libero).

Molti i parlamentari, politici, ma anche amici e conoscenti di Cuffaro, che in quegli anni si erano recati a colloquio con l’ex presidente della Regione.

Secondo il procuratore aggiunto della Procura romana, Michele Prestipino, alcuni di questi però, in particolare i parlamentari, che per legge possono entrare in carcere ed incontrare i detenuti, facendosi accompagnare da un assistente (che dovrà dichiarare questo ruolo), avrebbero falsificato i dati, fingendo di portare “assistenti”, da qui il rinvio a giudizio per 28 persone, inizialmente 41, ma per 13 sarebbe scattata la richiesta di archiviazione.

E tra i 28 ci sono anche siracusani, ad iniziare dall’ex parlamentare nazionale Pippo Gianni, e l’ex parlamentare regionale Nunzio Cappadona, anche se a scorrere la lista dei 28, per cui i magistrati romani hanno chiesto il rinvio a giudizio (prima udienza il 14 marzo), a quanto pare, non sarebbero i soli.

Il rinvio a giudizio è stato chiesto, infatti, per: l’ex ministro Calogero Mannino;  la senatrice Anna Bonfrisco; l’ex sottosegretario Antonio Buonfiglio; il giornalista Renato Farina; l’avvocato dello Stato, Filippo Maria Bucalo;  gli ex deputati regionali Nunzio Cappadona, Giuseppe Scalia, Sebastiano Sanzarello; l’ex deputato nazionale  Pippo Gianni; l’ex assessore regionale Gian Maria Sparma;  gli ex senatori Mirello Crisafulli, Giuseppe Firrarello, Giuseppe Ruvolo, Cosimo Izzo e Maria Giuseppa Castiglione.

Nella lista, come si diceva, non ci sono soltanto parlamentari o ex, nazionali e regionali, ma anche  il cugino omonimo dell’ex presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, impiegati, amici, sostenitori politici dell’ex governatore, e tutt’altro che “assistenti parlamentari”, come  Antonina Saitta, Attilio Tripodi, Giuseppe Castania, Giuseppe Di Carlo, Davide Durante, Cataldo Salerno, Antonio Marino, Stefano Ciccardini, Francesco Di Chiara, Alessandro Di Paolo,  Gaetano Mancuso e Salvatore Rinaldi.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon0
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *