Temperature in picchiata e neve nel siracusano, resta alta l’allerta e il pensiero va ai senzatetto e ai danni alle colture

SIRACUSA – Come annunciato nei giorni scorsi dalle previsioni meteo, termometro in picchiata da ieri in tutta la Sicilia, così come nel resto del cetro-sud, per l’arrivo dell’area fredda balcanica che ha portato la neve in molte zone, pianura compresa.

In provincia di Siracusa imbiancati già dall’Epifania i Comuni della zona montana con temperature rigide (- 5 a Buccheri), e non solo.

La neve ha fatto capolino oltre che nelle zone alte del territorio siracusano anche nella fascia collinare, nevischio sulla Maremonti con qualche piccolo tocco anche a Canicattini e nei Comuni agrumetati come Francofonte, dove strade e tetti sono stati coperti.

Resta sempre alto il livello dell’allerta da parte della Protezione Civile, che consiglia di non mettersi in viaggio se non necessario, di avere comunque catene a bordo, e di usare la massima prudenza.

La temperatura, stando alle previsioni, dovrebbe scendere ancora, almeno sino ai primi giorni della prossima settimana.

Al di la della suggestione scenografica gioiosa che la neve riesce a dare a grandi e piccini, sono forti le preoccupazioni per la rigidità delle temperature per quanti vivono in strada, per gli animali in molti allevamenti, e naturalmente per i danni che le gelate causano alle colture, in un momento già di crisi del settore agricolo.

Please follow and like us:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *