La Sicilia secondo l’Istat destinata a “spopolarsi”, nel 2065 da 5 milioni passera a 3 milioni di abitanti, e c’è chi corre ai ripari

Un sud di anziani

PALERMO – Fra cinquant’anni la Sicilia sarà la regione meno abitata rispetto al resto d’Italia. Questo lo scenario “apocalittico”,  reso noto dall’Istat nel report  “Il futuro demografico del paese”, previsioni che hanno l’obiettivo di rappresentare il più possibile l’andamento futuro della popolazione sia in termini di numerosità totale che in termini di struttura per età e sesso.

Il report prevede, infatti, che la popolazione residente in Italia nel 2065 sarà pari a 53,7 milioni. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione nel 2065 oscillerà dai 46,1 milioni ai 61, 5 milioni.

A farne le spese sarà la Sicilia, la regione che perderà il maggior numero di residenti. Una riduzione drastica, che porterà l’isola dagli attuali 5 milioni e 74 mila abitanti a 3 milioni e 878 mila nel 2065. Una riduzione dovuta principalmente al flusso migratorio dei giovani verso le area del centro-nord Italia, alla ricerca di un lavoro, ma anche ai tassi di natività molto bassi, contro un aumento significativo della mortalità.

Appare evidente, quindi, un significativo spostamento della popolazione dal Mezzogiorno verso il Centro-Nord del paese con una significativa “desertificazione” di molte aree, come quelle montane e le piccole città.

Sempre secondo i dati forniti dall’Istat, nel 2065, il Centro Nord, infatti, ospiterà il 71% della popolazione a fronte del 66 % attuale, mentre il Mezzogiorno ne accoglierà soltanto il 29 %.

Per quanto allarmanti le previsione demografiche, precisa l’Istat, sono per costruzione e definizione incerte. È chiaro che, seppur in un quadro di profonda incertezza, risulta altamente probabile una diminuzione della popolazione. Infatti, sebbene non sia esclusa l’eventualità che la popolazione possa nel 2065 aumentare ancor più rispetto ad oggi, la probabilità empirica che ciò accada è pari al 7 %.

Il risultato, pertando, parlando ancora della Sicilia e delle nostre aree, sarà che l’isola verrà abitata da una popolazione di anziani che non avrà alle spalle una forza lavoro in grado di provvedere alla sopravvivenza della stessa.  Come se non bastasse, ci sarà un calo progressivo della popolazione giovane e un sostanzioso aumento degli over 65 e over 85.

Un processo di “spopolamento” che già da qualche anno ha messo in allarme soprattutto i sindaci dei Comuni siciliani, e per quanto ci riguarda, nel siracusano, quelli della zona montana e della zona agrumetata, che stanno provando a dotare questa “area vasta” (i Comuni si stanno costituendo in Federazione delle Municipalità, che comprende i piccoli centri iblei del siracusano, ragusano e del catanese) di un modello di sviluppo sostenibile, com’è emerso recentemente negli incontri che si sono svolti alla 3° Fiera Regionale Agro Zootecnica di Canicattini Bagni (Comune che fa da capofila in questo progetto), che valorizza e sfrutta il grande patrimonio naturalistico, culturale, agroalimentare, zootecnico ed enogastronomica, che questi territorio possiedono.

Un modello, rivolto soprattutto alle giovani generazioni ma anche alle imprese esistenti, che grazie al sostegno finanziario della Comunità Europea, ma anche della Regione e dello Stato, deve diventare economia e occasione di “ripopolamento” dei piccoli centri, e più in generale della Sicilia, fermando così le emigrazioni.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *