Attentato intimidatorio ai danni del dirigente l’Ufficio Tecnico di Canicattini, condanna e solidarietà dall’Amministrazione

Il geom. capo Giuseppe Carpinteri

CANICATTINI – Un ordigno rudimentale questa notte, intorno all’una, è stato fatto scoppiare davanti al portone d’ingresso dell’abitazione del dirigente dell’Ufficio Tecnico del Comune di Canicattini Bagni, geometra capo Giuseppe Carpinteri, in via Parroco Bombaci, nei pressi dello stadio comunale.

La forte deflagrazione, avvertita in tutto il centro abitato, ha causato seri danni al portone e all’ingresso dell’abitazione, senza causare, fortunatamente, danni alle persone, se non lunghi momenti di panico e di paura non solo tra i familiari della vittima dell’esplosione ma anche tra i cittadini della zona.

Quello di questa notte è il secondo atto intimidatorio, in poco meno di un anno, nei confronti del dirigente del Comune canicattinese. Lo scorso anno, infatti, venne data alle fiamme l’auto di famiglia, posteggiata davanti all’abitazione.

Per entrambi gli avvenimenti Carpinteri ha presentato denuncia alle forze dell’ordine. Le indagini si muovono ad ampio raggio e al momento nessuna pista viene esclusa, compresa quella relativa all’attività di dirigente di uno dei settori più delicati del Comune.

Numerosi gli attestati di condanna e di solidarietà nei confronti del geometra capo Carpinteri, figura molto conosciuta ed autorevole nella cittadina iblea.

Dura la condanna “del vile atto criminale che oltre a colpire la serenità familiare del dirigente del Comune, tende a destabilizzare la tranquillità e la vita democratica della città“, quella espressa dal sindaco Paolo Amenta, dall’Amministrazione e dal presidente del Consiglio, Antonino Zocco.

Le istituzione cittadine hanno altresì manifestato la piena vicinanza e solidarietà al geometra Carpinteri e alla sua famiglia.

«Due atti criminali a distanza di tempo nei confronti del nostro Dirigente dell’Ufficio Tecnicoha sottolineato il sindaco Amentanon possono essere sottovalutati e richiedono il massimo dell’impegno delle forze dell’ordine per assicurare alla giustizia i responsabili. Il pieno rispetto della legalità, imparzialità e trasparenza che contraddistinguono l’apparato amministrativo e l’Amministrazione comunale, che ne ha fatto i capisaldi in questi anni, non saranno messi in discussione da questi atti, anzi si rafforzano sempre di più».

 

Please follow and like us:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *