Conoscere e vivere il patrimonio culturale ibleo, si presenta domenica a Canicattini l’associazione “Aditus in rupe”

Cugno Case Vecchie, particolare

CANICATTINI – “Aditus in rupe. Dal progetto di conoscenza allo sviluppo sostenibile del patrimonio culturale ibleo”, questo il titolo del pomeriggio di studi che si terrà domenica 28 maggio alle ore 18, nell’aula consiliare del Comune di Canicattini Bagni in via Principessa Iolanda 51, per presentare ufficialmente l’Associazione Culturale “Aditus in rupe”.

I lavori, moderati dall’archeologa Claudia Pantellaro, saranno aperti dai saluti dei sindaci di Canicattini Bagni, Paolo Amenta, e di Noto, Corrado Bonfanti, seguiranno gli interventi di:

  • Antonino Cannata, presidente dell’Associazione “Aditus in rupe”;
  • Maria Sgarlata, docente di Archeologia Cristiana e Medievale all’Università di Catania;
  • Santino Alessandro Cugno, archeologo;
  • Salvatore Russo, topografo;

Le conclusioni sono invece affidate alla soprintendente dei Beni Culturali di Siracusa, Rosalba Panvini.

L’AssociazioneAditus in rupe”, nasce dall’entusiasmo di giovani ricercatori ed esperti nel settore del patrimonio archeologico e culturale, per proporre percorsi di conoscenza e riscoperta dei siti archeologici, in particolare quello di contrada Cugno Case Vecchie, e dei territori limitrofi, adattandoli alle diverse categorie di utenti.

Attraverso la programmazione di visite guidate, laboratori didattici e itinerari enogastronomici sarà possibile riscoprire storie affascinanti e luoghi autentici del suggestivo paesaggio ibleo.

A conclusione della serata di Domenica è prevista una degustazione di prodotti e specialità tipiche del territorio.

 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon0
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *