Canicattini, nell’ultima seduta della legislatura il Consiglio approva a maggioranza il rendiconto finanziario 2016

CANICATTINI – Si è tenuto in seconda convocazione ieri sera alle ore 22, essendo andata deserta la seduta delle ore 21, il Consiglio comunale di Canicattini Bagni, l’ultimo di questa legislatura che ormai volge al termine, prima delle Amministrative dell’11 giugno.

All’ordine del giorno, insieme ad eventuali comunicazioni da parte del presidente Antonino Zocco e del sindaco Paolo Amenta, un solo punto di rilievo, quello relativo all’approvazione del Rendiconto  della gestione dell’esercizio finanziario 2016.

In aula presenti solo 9 dei 15 consiglieri, in pratica solo la maggioranza, vista l’assenza dei tre consiglieri della minoranza e di tre componenti dello stesso gruppo che sostiene l’attuale compagine amministrativa.

Non essendoci nessuna comunicazione da parte di presidente e sindaco, è stato quest’ultimo ad illustrare la relazione al Rendiconto 2016, rilevando come il Comune abbia rispettato gli “obiettivi di finanza pubblica per il 2016” (richiesto il pareggio di bilancio, determinato dalla differenza tra entrate e spese finali)), facendo addirittura registrare un saldo positivo di 829.000 euro, nonostante le difficoltà nelle quali oggi si trovano gli Enti Locali a causa dei tagli dei trasferimenti statali e regionali.

Il risultato di amministrazione dell’anno 2016, costituito dalla somma della gestione dei residui e della competenza, ha ricordato ancora il sindaco Amenta, si è chiuso con un avanzo di 1.160.517,47 euro, di cui 1.101.940,96 euro accantonati, come previsto dalla normativa vigente, per il Fondo crediti di dubbia esazione, e 58.576,51 euro disponibili.

Nel corso del suo intervento, il sindaco Paolo Amenta, ha spiegato i motivi che hanno indotto la sua compagine amministrativa a portare all’approvazione il Rendiconto 2016 prima dello scadere del mandato.

Due i motivi fondamentali, come si legge nella relazione presentata.

Il primo, che il Rendiconto “si riferisce ad un’annualità programmata e gestita dall’Attuale Amministrazione”.

Il secondo motivo, ha continuato il primo cittadino, in quanto lasciare alla nuova Amministrazione l’approvazione di questo atto, “avrebbe significato il rinvio dell’approvazione per circa due mesi, considerati i tempi tecnici necessari per la proclamazione degli eletti, l’insediamento del nuovo Consiglio e l’elezione del Presidente del Consiglio e delle Commissioni consiliari, tutti atti propedeutici alla successiva iscrizione all’ordine del giorno del Rendiconto della gestione. Ci è apparso pertanto doveroso approvare stasera il presente atto, anche al fine di evitare eventuali diffide o commissariamenti da parte del governo regionale”.

Il sindaco ha ripercorso le difficoltà nelle quali i Comuni sono stati costretti ad operare ritardando a quasi fine anno l’approvazione dei Bilanci di previsione, a causa del continuo procrastinare, da parte della Regione, delle somme spettante agli Enti Locali, impedendogli di fatto di poter approntare ed approvare i propri strumenti finanziari in tempi utili.

E a tal proposito, ha ricordato le battaglie sostenuta da vice presidente di AnciSicilia nella difesa dei Bilanci dei piccoli Comuni,”che in questi anni sono riusciti a far quadrare i conti e chiudere i Bilanci solo in virtù delle battaglie estenuanti condotte dall’Anci contro il governo regionale che, mirando esclusivamente a far quadrare i propri conti, spesso con risultati, permettetemi di dirlo, risibili,, voleva sacrificare i piccoli Enti, che di fatto, senza la nostra battaglia, sarebbero ineluttabilmente andati incontro al default”.

Nonostante ciò, ha concluso Amenta, il Comune di Canicattini Bagni ha regolarmente tenuto in equilibrio i conti, garantito i servizi ai cittadini e, a differenza di tanti Comuni, pagato tutti i mesi e puntualmente gli stipendi, anche quelli dei precari per cui da un anno la Regione non trasferisce i fondi, e programmato tutte le attività, comprese quelle culturali, in città.

Chiuso l’intervento del sindaco, il Presidente Zocco ha messo ai voti il Rendiconto, approvato con 9 voti, all’unanimità dei presenti, così come la sua immediata esecutività.

Prima di chiudere i lavori, il presidente ha inteso ringraziare i consiglieri, di maggioranza e di opposizione, così come l’Amministrazione, che nei rispettivi ruoli hanno sempre operato nell’interesse dei cittadini.

Auguro alla nuova Amministrazione e al nuovo Consiglio comunaleha concluso Antonino Zoccodi operare  guardando sempre a questo obiettivo: il bene dei cittadini. Auspico che in questo fine campagna elettorale tutti i candidati abbiano rispetto uno degli altri, perché in politica è giusto far valere le proprie idee, ma sempre nel rispetto degli altri”.

All’intervento del presidente sono seguiti gli interventi di tutti i consiglieri (Zocco M., Cascone, quest’ultimo anche nella veste di Assessore, Gazzara, Bombaci, Barbagallo, Cassarino, Ficara e Tringali) e gli assessori La Rosa, Miceli e il vice sindaco Pietro Savarino, di ringraziamento al sindaco Paolo Amenta, che conclude le sue due legislature alla guida del governo della città, per l’attività svolta in questi dieci anni e le opportunità date ad ognuno per ben rappresentare la città ed i cittadini.

Ringraziamenti anche per il Consiglio, nella sua interezza, i dirigenti ed i dipendenti comunali, ma soprattutto i cittadini.

Si è chiusa così l’ultima seduta del Consiglio comunale della legislatura che avrà fine l’11 giugno con l’elezione del nuovo sindaco e del nuovo Consesso civico.

 

Please follow and like us:
error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *