Canicattini da domani festeggia San Giuseppe e si avvicina all’appuntamento con la Pasqua

-giuseppe-cristuCANICATTINI – «Le festività pasquali, alle quali ci stiamo preparando durante l’itinerario quaresimale, ci invitano a lasciarci guidare verso il Golgota, prima, e verso il “Dies Pascalis”, dopo. Nella croce leggiamo la rovina a cui ci porta il peccato, ma anche l’infinito amore di Dio che ci redime e ci salvi; nella risurrezione di Gesù verso quale direzione ci conduce la fede e la speranza cristiana».

Queste le parole di don Sebastiano Ferla, parroco della Chiesa Madre di Canicattini Bagni per rappresentare l’appuntamento con la Pasqua 2015,  entrata nel vivo con le sue manifestazioni che, come sempre, coinvolgono i Quartieri della città e le varie realtà associative.

E domani intanto, nel percorso di avvicinamento alla Santa Pasqua, la città di Canicattini Bagni festeggia S. Giuseppe con le sue tradizioni e la cena dei poveri. Quest’anno, un ruolo importante nell’arricchirne i festeggiamenti l’hanno avuto gli anziani del Centro Diurno comunale.

Giovedì 19 marzo  Solennità di san Giuseppe

–  Ore 18:00, Chiesa Madre, Santa Messa animata dal Coro parrocchiale.

–  Ore 19:00, recital “U Tistamientu ri San Giuseppe” musiche con il gruppo “I Perciazzucca” ricerca testi Tanino Golino.

 Venerdì 20 Marzo

–  Ore 20:30, Via Crucis esterna: Quartiere “Matrice”.

Domenica 22 marzo Festa esterna di San Giuseppe

–  Ore 10:30, Chiesa Madre, Santa Messa.

–  Ore 11:30, Chiesa Madre, Benedizione della Cena di San Giuseppe.

–  Ore 16:00, Chiesa Madre, Vendita all’incanto dei doni offerti dai fedeli, il cui ricavato sarà devoluto ai poveri.

–  Ore 18:00, Chiesa Madre, Santa Messa Vespertina e processione con il simulacro di San Giuseppe per le vie cittadine.

Il Parroco e la Comunità parrocchiale ringraziano il Centro Diurno Anziani e quanti collaboreranno alla riuscita della Festa di San Giuseppe.

Mercoledì 25 marzo – Solennità dell’Annunciazione del Signore

–  Ore 16:30, Chiesa Madre, Recita del santo Rosario con i misteri e le litanie cantate e Celebrazione della Santa Messa.

Venerdì 27 marzo

–  Ore 16:45, Chiesa Madre, durante la Via Crucis all’interno della Chiesa sarà benedetto il nuovo simulacro di San Giovanni Evangelista, a completamento del gruppo statuario della Crocifissione; segue la Celebrazione della Santa Messa.

– Ore 20:30, Via Crucis esterna: Quartiere “Vadduni”.

Domenica 20 marzo Domenica delle Palme

–  Ore 10:00, Sagrato Chiesa Anime Sante del Purgatorio, Benedizione delle Palme e Processione.

–  Ore 10:30, Chiesa Madre, Santa Messa.

–  Ore 19:00, Chiesa Madre, Santa Messa Vespertina.

–  Ore 20:30, Rappresentazione itinerante per le vie del paese della “PASSIONE di CRISTO” a cura dei giovanissimi e giovani dell’Azione Cattolica.

Mercoledì 1 aprile – Mercoledì Santo

–  Ore 20:30, Via Crucis a cura dell’AGESCI con inizio  dalla sede Scout di via Principessa Jolanda e termine alla “Vera Cruci” di via Roma.

Giovedì 02 aprile – Giovedì Santo

–  Ore 09:30, Cattedrale di Siracusa, Santa Messa Crismale.

–  Ore 18:00, Chiesa Madre, Santa Messa in “Coena Domini”, Reposizione del SS. Sacramento e turni di Adorazione.

–  Ore 20:30, Chiesa Madre, Adorazione Comunitaria.

Venerdì 03 Aprile – Venerdì Santo “U Santissimu Cristu”

–  Ore 17:00, Chiesa Madre, Liturgia di passione presieduta da Mons. Michele Boccaccio.

–  Ore 19:00, Chiesa Madre, Processione per le vie del paese del simulacro del SS. Cristo con la partecipazione dei “Nuri” che intonano “U Lamientu”.

Questo è il momento più toccante, ricco di fede, di cultura popolare e di tradizioni, quando tutta cittadina partecipa alla lunga processione del Venerdì Santo con l’uscita della statua lignea del ‘600 del “Santissimu Cristu” e la presenza dei “Nuri”, devoti vestiti di bianco con una mantella rossa sulle spalle, un corona di spine intrecciata sul capo ed una canna in mano, che intonano, lungo il percorso, “U Lamientu”, un tradizionale canto di dolore, rigorosamente in dialetto siciliano, che si tramanda di padre in figlio, dove si intrecciano dolore, tormento, pianto e sofferenza della passione di Cristo e della madre Maria.

In questa serata il paese offre uno spettacolo unico, ricco di devozione e tradizione che non si ripete in nessun altro Comune della Sicilia.

Il venerdì al tramonto ha così inizio la processione del Cristo flagellato. Dopo la funzione religiosa nella Chiesa Madre di Piazza XX Settembre, al pronunciamento della parola “Ecce Homo”, viene svelato il simulacro che viene posto nel fercolo di stile gotico. Inizia così la processione, con in testa lo stendardo alto, pesante e nero, che una volta i “massari” della cittadina si contendevano all’asta, a suon di tumuli di grano, sino a quando si “libbirava u stinnardu”.

Durante la lunga processione per le vie della cittadina i “Nuri”, che precedono il simulacro, eseguono un canto popolare “U lamientu ro Santissimu Cristu” al quale si alterna “U Cantu re Virginieddi” vestite di bianco.

Lungo il suo percorso la processione si soffermerà al 117 di Via Garibaldi, “na casa di Pinieddu, dove in una nicchia sul prospetto è raffigurato il simulacro del Cristo flagellato, per ricordare le soste che un tempo i “Nuri” facevano nelle case di amici e parenti che gli offrivano da bere. Nella sosta nella casa di Pinieddu, per tradizione, molti canicattinesi emigrati all’estero, soprattutto dagli Stati Uniti, sono soliti chiamare amici e parenti per sentire al telefono “U Lamientu”.

Sabato 04 Aprile – Sabato Santo

–  Ore 22:30, Chiesa Madre, Veglia pasquale.

Domenica 05 Aprile – Domenica di Pasqua

–  Ore 10:30, Chiesa Madre, Santa Messa.

–  Ore 11:30, “A Paci Paci”, incontro di Maria SS. e di Cristo Risorto, tra il volo di colombe bianche offerte da Pippo Cannata.

Il simulacro della madonna Addolorata uscirà dalla Chiesa Anime Sante del Purgatorio, la statua del Cristo Risorto dalla Chiesa Madre.

Sono tre gli incontri tra i simulacri della Madonna Addolorata, che abbandonato il velo nero indossa quello azzurro, e il Cristo Risolto.  Il primo incontro davanti alla Chiesa di Maria SS. Ausiliatrice (U Santuzzu), il secondo in Via XX Settembre, davanti alla Chiesa delle Anime Sante,  e il terzo in piazza davanti alla Chiesa Madre.

1° incontro – Chiesa Maria SS. Ausiliatrice;

2° incontro – Chiesa Anime Sante del Purgatorio;

3° incontro – Chiesa Madre Santa Maria degli Angeli.

–  Ore 19:00, Chiesa Madre, Santa messa Vespertina e ricordo del Santo Patrono San Michele Arcangelo.

Lunedì 06 Aprile – Lunedì dell’Angelo

–  Ore 08:30, Chiesa Madre, santa Messa.

Le celebrazioni liturgiche saranno animate dal Coro parrocchiale “Santa Maria degli Angeli”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *