La lettera aperta del sindaco di Siracusa, Francesco Italia, dopo l’esperienza della Sea Watch 3

“Esistono valori eterni che appartengono ad ogni essere umano e che prescindono dalla contingenza e, soprattutto, dal gioco di parti contrapposte”

Francesco Italia

La presenza della SeaWatch 3, che con il suo carico di umanità ha accettato il nostro invito a trovare rifugio nei pressi di Siracusa, ha lasciato un segno profondo nella nostra comunità.

Leggi tutto “La lettera aperta del sindaco di Siracusa, Francesco Italia, dopo l’esperienza della Sea Watch 3”

Nessun rilievo da parte dei magistrati catanesi alla Sea Watch “ha tenuto una condotta lecita”

Non è emerso nessun rilievo penale nella condotta dell’equipaggio della Ong, regolare anche l’aspetto tecnico strutturale della nave

La Sea Watch 3

Con lo sbarco a Catania dei 47 migranti, di cui 13 minori, che da giorni si trovavano a bordo della nave Sea Watch 3, bloccata per ordine del governo e del ministro dell’Interno alla fonda nella rada della Targia a Siracusa, dopo averli salvati qualche settimana addietro nel Mediterraneo di fronte alle coste libiche, si chiude, si fa per dire, la prima fase di una triste vicenda che ha visto emergere lo spirito accogliente e umanitario di una città e, soprattutto, l’azione sinergica solidale tra l’Amministrazione comunale di Siracusa, per volontà del suo sindaco Francesco Italia, la Curia, le associazioni del volontariato, gruppi, sindacati, alcune forze politiche d’opposizione, un pezzo di Sicilia e tanti cittadini.

Leggi tutto “Nessun rilievo da parte dei magistrati catanesi alla Sea Watch “ha tenuto una condotta lecita””

Sea Watch 3, Maurizio Martina e Matteo Orfini del Pd violano l’ordinanza e salgono a bordo della nave, i due sono adesso indagati

Questa sera presidio di solidarietà in Piazza Archimede davanti alla Prefettura per chiedere lo sbarco dei 47 migranti a bordo nella nave. Assurdo braccio di ferro umanitario da parte del governo

Un momento del presidio alla Targia

Un assurdo braccio di ferro di umanità, quello intrapreso dal governo gialloverde sulla pelle di 47 esseri umani che da dieci giorni sono al freddo e alla spossatezza a bordo della nave Sea Watch 3, la Ong tedesca, con bandiera olandese, che li ha tratti in salvo lo scorso 19 gennaio nel Mediterraneo.

Leggi tutto “Sea Watch 3, Maurizio Martina e Matteo Orfini del Pd violano l’ordinanza e salgono a bordo della nave, i due sono adesso indagati”

“Il vizio della Memoria”, il 2 febbraio a 35 anni dall’uccisione mafiosa Palazzolo Acreide ricorda Pippo Fava

Nella cittadina iblea l’assegnazione del Premio Giuseppe Fava “Giovani” alla giornalista Alessia Candito e menzione ai giornalisti Stefania D’Ignoti e al siracusano Massimiliano Perna

Giuseppe Fava

A 35 anni dall’uccisione per mano mafiosa, il 5 gennaio 1984, a Palazzolo Acreide, sua città natale, si ricorda il giornalista, scrittore e drammaturgo Giuseppe Fava, fondatore e direttore de “I Siciliani”.

Leggi tutto ““Il vizio della Memoria”, il 2 febbraio a 35 anni dall’uccisione mafiosa Palazzolo Acreide ricorda Pippo Fava”

#veritapergiulioregeni, il 25 gennaio sono trascorsi tre anni senza Giulio Regeni, ancora nessuna verità sulla sua morte in Egitto, firmiamo l’appello

Giulio, dottorando all’Università di Cambridge, era al Cairo per svolgere la sua ricerca quando il 25 gennaio 2016, nel 5° anniversario della “Rivoluzione del 25 gennaio”, è scomparso. Il suo corpo, con evidenti segni di tortura, è stato ritrovato nove giorni dopo,in un fosso ai bordi dell’autostrada Cairo-Alessandria

Giulio Regeni

 Ho riconosciuto Giulio solo dalla punta del naso. Quello che è successo non è un caso isolato – così Paola Deffendi, madre di Giulio

Leggi tutto “#veritapergiulioregeni, il 25 gennaio sono trascorsi tre anni senza Giulio Regeni, ancora nessuna verità sulla sua morte in Egitto, firmiamo l’appello”