Il ministro Andrea Orlando a Siracusa per la candidatura alla segreteria PD non parla delle vicende della Procura aretusea

Andrea Orlando

SIRACUSA – Ha presentato questa mattina a Siracusa, in un incontro che si è tenuto al Jolly Hotel, la sua candidatura alla segreteria nazionale del PD, il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, in alternativa a quella dell’ex segretario ed ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi (l’altro candidato e sfidante di Renzi è il governatore della Puglia, Michele Emiliano). Leggi tutto “Il ministro Andrea Orlando a Siracusa per la candidatura alla segreteria PD non parla delle vicende della Procura aretusea”

Please follow and like us:
error0

Matteo Renzi “stravince” la consultazione tra gli iscritti al PD per la corsa alla segreteria, il 30 aprile le Primarie nazionali

Renzi – Emiliano – Orlando

SIRACUSA – Conclusi eri in provincia di Siracusa le votazioni da parte degli iscritti al Pd delle tre mozioni congressuali, quella del ministro della Giustizia, Andrea Orlando, dell’ex segretario e presidente del Consiglio Matteo Renzi, e del governatore della Puglia, Michele Emiliano. Com’era nelle previsioni è stata la mozione che fa capo a Matteo Renzi a vincere con un larghissimo margine sugli altri candidati, quasi il 74,4% (1.281 voti) dei 1.715 votanti su 4.106 iscritti al partito (dato raddoppiato rispetto al precedente tesseramento),  mentre Orlando ha ottenuto il 22,8% (393 voti), ed Emiliano il 2,4% (41 voti). Leggi tutto “Matteo Renzi “stravince” la consultazione tra gli iscritti al PD per la corsa alla segreteria, il 30 aprile le Primarie nazionali”

Please follow and like us:
error0

Il sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, pronto a difendere la Port Authority ad Augusta: “Delrio convinto di questo”

Giancarlo Garozzo

SIRACUSA – Sulla vicenda dell’Autorità portuale scippata ad Augusta, prende posizione anche il sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, per ribadire il suo personale sostegno ad eventuali iniziative tendenti a ridare alla città megarese quanto le spetta e, nello stesso tempo, per ricordare la segnalazione fattagli oggi dal  ministro Graziano Delrio del documento (resto pubblico dal Ministero) che “smentisce” il presidente della Regione, Rosario Crocetta, autore della richiesta di nominare Catania. Leggi tutto “Il sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, pronto a difendere la Port Authority ad Augusta: “Delrio convinto di questo””

Please follow and like us:
error0

Ecco il governo Gentiloni fotocopia di quello di Renzi, su 18 ministri 12 i riconfermati. Non ci sono Verdini e Scelta Civica

Foto di gruppo del governo con Mattarella

ROMA – La disposizione del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, era chiara e perentoria: «Fare in fretta». E così è stato, in considerazioni anche degli impegni internazionali dell’Italia, dentro e fuori le mura di casa. Leggi tutto “Ecco il governo Gentiloni fotocopia di quello di Renzi, su 18 ministri 12 i riconfermati. Non ci sono Verdini e Scelta Civica”

Please follow and like us:
error0

Referendum, vince il NO col 59,11%, Renzi battuto di larga misura si dimette, ma da solo vale un 40% che fa pensare

Renzi durante la conferenza stampa di ieri sera a Palazzo Chigi accompagnato dalla moglie Agnese
Renzi durante la conferenza stampa di ieri sera a Palazzo Chigi accompagnato dalla moglie Agnese

«Volevo cancellare le troppe poltrone della politica: il Senato, le Province, il Cnel. Non ce l’ho fatta e allora la poltrona che salta è la mia».

Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, segretario nazionale di quel Pd diviso che governa l’Italia, ma che ieri ha perso in modo alquanto evidente il Referendum sulle riforme costituzionali volute dal suo premier, assestando il SI al 40,89% contro il 59,11% della corazzata dei NO, quella che va dai partigiani dell’Anpi, passando per la minoranza riformista dello stesso Pd, alla Cgil, al M5S, alla Lega, a Berlusconi e alla sua Forza Italia, ai Fratelli d’Italia,  alla Sinistra Italiana, Sel, al Partito Comunista, Rifondazione comunista, i Cobas, e arrivando sino all’estrema destra di Casa Pound.

Coerentemente con quanto annunciato non appena iniziata l’avventura referendaria, trasformando erroneamente il voto alle riforme in voto politico sul suo governo (pagandone oggi lo scotto), Renzi ha così rassegnato le dimissioni nelle mani del presidente della Repubblica, che adesso dovrà decidere il da farsi: dare un nuovo incarico di governo (tecnico o in continuità), o congelarle, come pare avverrà, sino al varo della Legge di Stabilità.

«Nella politica italiana non perde mai nessuno, non vincono ma non perde mai nessuno. Dopo ogni elezione resta tutto com’è. Io sono diverso, ho perso e lo dico a voce alta, anche se con il nodo in gola. Perché non siamo robot».

Già non siamo robot, e gli italiani, a quanto pare, hanno accumulato la rabbia dei tanti problemi non risolti in un Paese che non è ancora uscito dalla crisi economica, in particolare nelle regioni del Sud e tra i giovani, quelli che più di tutti vivono il dramma del reddito e del lavoro che manca, dell’emigrazione, e delle emergenze sociali.

Il più forte e consistente NO alle riforme si è registrato proprio in queste regioni (Sicilia, dove governa il Pd, 71,58% contro il 28,42% dei Si – in provincia di Siracusa, quasi del tutto in mano al Pd e area di governo, 71,75% contro il 28,25% del Si)  e tra queste fasce sociali, così come, stando alle prime analisi, tra gli ex precari della scuola che dopo vent’anni sono passati di ruolo, sol perché assegnati lontani da casa; tra i precari della pubblica amministrazione, dimenticati da decine di governi, e che adesso  dovrebbero trovare garanzie per la loro stabilità nella prossima finanziaria; tra i tanti lavoratori dipendenti che intascano i famosi 80 euro; tra i dipendenti del pubblico impiego che si sono visti rinnovato il contratto dopo 7 anni; tra i pensionati che hanno avuto accordati aumenti sulle quattordicesime o tra i futuri pensionati ai quali è stata aperta una finestra di pensionamento anticipato con l’Ape; e così via.

Poco importa se le imprese del Sud potranno assumere, se lo vorranno, come aveva anticipato Renzi nei giorni scorsi nel suo tour meridionale, sgravati della parte contributiva, quella che appesantisce il costo del lavoro, o come poco hanno contato i finanziamenti assegnati con il Patto per il Sud per le infrastrutture, la ristrutturazione e la manutenzione delle scuole e di importanti arterie stradali, che significano apertura di cantieri e lavoro.

Chi ha la pancia vuota o è stato costretto a lasciare la propria terra, difficilmente va a fare comparazioni, e il dire SI a riforme come quelle costituzionali, anche senza entrare nel merito, suona come stare dalla parte del governo. E allora il rigetto diventa naturale, e su questo hanno giocato alcune forze politiche, non tutte a dire il vero, rispetto all’ampio e legittimo schieramento di chi voleva il “salvataggio della Costituzione”.

«Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sul terzo settore, sul dopo di noi, sulla cooperazione internazionale, sulla sicurezza stradale, sulle dimissioni in bianche, sull’autismo, sulle unioni civili. Una legge contro lo spreco alimentare, contro il caporalato, contro i reati ambientali. Sono leggi con l’anima, quelle di cui si è parlato di meno ma a cui tengo di più. Lasciamo infine l’Italia con un 2017 in cui saremo protagonisti in Europa a marzo con l’appuntamento di Roma per i sessant’anni dell’Unione. Saremo protagonisti a Taormina a maggio per il G7. Saremo protagonisti con la presidenza de Consiglio di sicurezza dell’Onu a novembre».

Questo il quadro del lavoro svolto, in questi mille giorni di governo, che Renzi ha fatto ieri sera subito dopo lo spoglio e il risultato della bocciatura delle sue riforme della Carta Costituente. Questa anche l’agenda del quale il prossimo presidente del Consiglio incaricato da Mattarella dovrà tenere conto.

Questa sarà la parte più delicata del dopo Referendum, anche perché qualcuno ancora ricorda la festa per la fine del governo Berlusconi, nel 2011, e l’arrivo di Monti e delle sue strenne natalizie con  lacrime e sangue per gli italiani.

Di Renzi, al di là dell’arroganza di cui l’accusano, quella  iniziale del mancato dialogo con le forze sociali (oggi superata dai recenti protocolli sottoscritti, vedi pensioni e contratti), o di quella mostrata nel non aprire sino in fondo un confronto con le forze politiche in parlamento, che lo hanno accusato di essere “l’uomo solo al comando”, una cosa però va detta nell’evidenza del voto referendario: da solo contro tutti, anche contro una parte del suo partito, è riuscito ad ottenere il 40% dei consensi.

Un dato non indifferente, visto che il voto referendario, senza tanto nascondersi dietro un dito, ha avuto forti e profondi contenuti politici contro il premier da parte delle forze politiche (non certo da parte dei comitati civici e tematici sul No alle riforme).

E se si votasse con l’Italicum sarebbe già “quell’uomo solo al comando”, vista l’incompatibilità politica a stare insieme di molte di quelle forze che oggi festeggiano per la vittoria del NO al Referendum.

Sarebbe  difficile (ma non impossibile, come ci insegna la politica italiana) vedere M5S e FI, ovvero Grillo e Berlusconi  insieme, magari con la benedizione della Lega e di Fratelli d’Italia della Meloni.

E a loro volta insieme a Sinistra Italiana, Comunisti, Cgil, e Casa Pound.

«Arriverà un giorno in cui tornerete a festeggiare una vittoria e quel giorno vi ricorderete delle lacrime di questa notte».

Ha detto tra le altre cose Matteo Renzi, nel suo discorso di ieri sera dopo il voto, ai sostenitori del SI, ovvero a quel 40%.

Certo, chi verrà dopo di lui, se ha i numeri, quella legge elettorale potrà sempre cambiarla. Forse.

Please follow and like us:
error0