Al via venerdì con la “Birra Fest” la 14° edizione del Festival del Mediterraneo di Canicattini, eventi da luglio a settembre

CANICATTINI – Tempi più che rapidi per la nuova Amministrazione comunale della sindaca Marilena Miceli, dal momento dell’insediamento, per la preparazione e redazione del programma delle manifestazioni estive del XIV Festival del Mediterraneo, il grande contenitore delle manifestazioni musicali, culturali, artistiche, teatrali, gastronomiche e dell’artigianato, che vivacizzano la città da luglio a settembre, sino alle celebrazioni del 29 settembre del Santo Patrono, S. Michele Arcangelo. Leggi tutto “Al via venerdì con la “Birra Fest” la 14° edizione del Festival del Mediterraneo di Canicattini, eventi da luglio a settembre”

Please follow and like us:
error0

Quella “Banda” della politica

Il maestro Riccardo Muti
Il maestro Riccardo Muti

Sono rare le occasioni in cui il maestro Riccardo Muti, peraltro stimolato, si è lasciato andare in qualche pensiero sulla politica. In tutte quelle volte non si può non condividerlo.

Forse, la frase che più ha colpito per la passione che sprigiona è questa: “Io sono profondamente grato al mio Paese. All’Italia devo tutto. Per questo mi fa male vederla così”.

L’Italia è un paese stonato. Eppure esiste, o meglio dovrebbe esistere, un legame imprescindibile tra musica e politica.

L’orchestra, la banda, esprime in se tutti gli elementi più alti del progresso dell’umanità. Esiste in quel luogo una totale, assoluta ed indispensabile divisione del lavoro.

L’orchestra è una società perfetta, in cui c’è un “sindaco”, se vogliamo un “premier”, che si chiama “maestro, ed ogni cittadino musicista è assolutamente subordinato, non tanto all’autorità pro-tempore, ma alla legge, allo spartito, e chi non rispetta le “regole-note” non può partecipare a quella comunità.

Nella banda ascolti musica solo se le capacità individuali, necessarie e fondamentali, sono inserite e asservite al contesto armonico che, quasi magicamente, spesso, si trasferisce anche nei rapporti umani.

La politica, considerata come comunità di eletti ed elettori, è si una banda, ma suona una musica stonata. Ognuno legge ed interpreta uno spartito diverso, anzi siamo sempre alla ricerca di partiture da solista, ma non sappiamo neppure tenere in mano lo strumento.

Nella società, come in un orchestra occorre suonare tutti la stessa musica, lo stesso spartito, altrimenti viene fuori una comunità invivibile ed inascoltabile, esattamente come la nostra.

******

achille-tartaruga

Segui la rubrica Aporie”.

Brevi spunti di riflessione  sull’attualità politica,

da  leggere in un minuto.

Entra nell’archivio

Please follow and like us:
error0