Ricordati oggi a Canicattini Bagni tutte le vittime di mafia e il 25° anniversario della strage di Capaci

Un momento della manifestazione in Piazza Borsellino a Canicattini per ricordare il 25° della strage di Capaci e le vittime di mafia

CANICATTINI – Una grande festa, tutti insieme, Amministrazione comunale, con il testa il sindaco Paolo Amenta, e i bambini dell’Istituto comprensivo “G. Verga” dei plessi Garibaldi e Mazzini, accompagnati dai loro insegnanti e dalla dirigente scolastica, professoressa Giovanna Rubera, hanno voluto ricordare questa mattina in Piazza Borsellino, come annunciato nei giorni scorsi, il 25° Anniversario della strage mafiosa di Capaci del 23 maggio 1992,  nella quale persero la vita nella quale trovarono la morte per mano mafiosa il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito SchifaniRocco DicilloAntonio Montinaro, e furono feriti Paolo CapuzzoAngelo CorboGaspare Cervello  e  Giuseppe Costanza.

Presenti alla manifestazione anche il comandante della stazione Carabinieri, m.a. Sebastiano Pappalardo, il comandante della Polizia Municipale, Giuseppe Casella, consiglieri comunali, l’associazione Libera, genitori degli alunni e tanti cittadini che non hanno voluto mancare a questo momento del ricordo.

La deposizione della corona d’alloro

Dopo la piantumazione da parte degli alunni della scuola dell’ulivo della legalità in un angolo della grande piazza a verde, con tanto di volo di palloncini colorati, e la deposizione di una corona dall’alloro da parte dell’Amministrazione comunale davanti al grande pannello – monumento inaugurato lo scorso anno all’ingresso di Piazza Borsellino, in ricordo di tutte le vittime delle mafie, che riproduce la celebre foto del fotoreporter Tony Gentile con i due uomini simbolo della lotta alla criminalità e al sistema mafioso in Sicilia, i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, è stata la volta della festa.

L’albero della Legalità

 

Le varie classi, dalla Scuola dell’Infanzia alle cinque classi delle Elementari dei due plessi scolastici, si sono esibiti in canti e nella recita di poesie, ricordando le vittime innocenti delle mafie, da Falcone a Borsellino, da Rita Atria a Peppino Impastato, ai tanti uomini e donne delle forze dell’ordine e della società civile, che sono caduti per tenere alta la bandiera della legalità e della giustizia.

«Legalità e giustizia, questa la strada maestra che guida il nostro operato  e deve continuare a guidare le nostre viteha detto il sindaco Paolo Amenta –. Questo il messaggio che consegniamo a voi bambini e alle giovani generazioni, affinché  ne facciate il modello della vostra vita, traendo esempio da questi eroi che non hanno esitato a dare la loro vita per affermare questi principi».

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *