Il 21 settembre 1990 l’uccisione del giudice Livatino: “Nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma credibili”

Rosario Livatino
Rosario Livatino

Il 21 settembre del  1990, lungo la statale 640 Agrigento – Caltanissetta, un giovane giudice del tribunale di Agrigento, Rosario Livatino, 38 anni, veniva trucidato da quattro  killer della “Stidda” agrigentina, l’organizzazione criminale mafiosa contrapposta a Cosa Nostra, sul viadotto Gasena lungo la statale 640 Agrigento – Caltanissetta. Leggi tutto “Il 21 settembre 1990 l’uccisione del giudice Livatino: “Nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma credibili””

Angelino, c’è posta per te

Il ministro Angelino Alfano
Il ministro Angelino Alfano

Se Angelino Alfano fosse vissuto nell’orbita degli Andreotti, dei De Mita e dei Cossiga, al massimo poteva contendere il ruolo di portaborse a qualche suo collega contemporaneo.

Ora, in coincidenza con la realizzazione della sua megalomane fissazione, quella di formare l’ennesimo nuovo centro, alternativo a destra e sinistra, chiaramente fallimentare in partenza, arriva questa tegola, che scopre tutte le “fruste”.

Lui, Angelino, è convinto che si tratti semplicemente degli scarti di un’inchiesta che fungono da lancette per l’orologio della macchina giudiziaria.

Ora, sarà vero anche questo, anzi rappresenta il pane quotidiano del Fatto e di tutti i giustizialisti della prima ora. Però, la difesa di Alfano suona come una melodia già ascoltata e un po’ stonata.

In sostanza, si legge sul Fatto online che il padre manda curriculum per assunzioni alle Poste, il fratello viene assunto alle Poste e Angelino rimane “francobollato” alla poltrona.

Tutta una storia di raccomandate…

Però, nulla di nuovo.

L’elemento essenziale, quello che dovrebbe interessarci, è l’inadeguatezza di Angelino nell’espletare le sue funzioni da politico, sufficiente per rimandarlo indietro, ad Agrigento, lui e la raccomandata.

Anche qui, il buon Angelino ha una risposta prioritaria. A comandare è il popolo, il quale gli consegna ad ogni tornata elettorale una quantità impressionante di “croci” sulle schede elettorali, al punto da innalzarlo a croce nostra.

Vero è. Ma è proprio in questa verità assoluta dove casca l’asino, anzi per essere siciliani, come lui, “u sceccu”.

A prescindere dalla vicenda legata al ministro Angelino Alfano, che si erge solo a mo’ di esempio, questa storia delle raccomandate e delle prioritarie porta con se una serie di riflessioni che non riguardano esclusivamente la politica, ma l’intera società.

I curriculum consegnati, la raccomandazione per ottenere un posto pubblico o in generale l’utilizzo della politica per fini personali è una prassi consolidata del sistema italiano, si tratta di una trattativa, di uno scambio, di un dare ed avere, di un tu dai una cosa a me e poi io ne do una a te.

Bene, qui pare che il problema sia circoscritto esclusivamente nella sostituzione dei politici con quelli nuovi, dotati di super poteri e con le stelle brillanti, lasciando immutato il contesto circostante.

La palazzina sta crollando, mica cambiare gli inquilini del terzo piano la rende automaticamente agibile.

L’antipolitica ed il populismo non ci aiutano, al contrario, il problema è culturale e riguarda tutti, nessuno escluso, personale politico compreso.

*****

Entra nell’archivio di “Aporie

 

Il Città di Siracusa inizia l’attività di mercato, Sem Addamo ex Catania vestirà la maglia azzurra

Sem Addamo
Sem Addamo

SIRACUSA – Comincia a muoversi il mercato del Città di Siracusa. Sem Addamo, 20 anni, è il primo tassello della squadra azzurra di Lorenzo Alacqua. Un’operazione condotta e voluta fortemente dal direttore generale Simona Marletta, che conosce il giovane centrocampista sin dai tempi della Primavera del Calcio Catania allenata da Giovanni Pulvirenti. Leggi tutto “Il Città di Siracusa inizia l’attività di mercato, Sem Addamo ex Catania vestirà la maglia azzurra”

Da lunedì pronti i tirocini formativi nelle aziende aderenti alla Confesercenti area Sicilia centro meridionale

giovani_lavoro_disoccupazioneRAGUSA – Prendono il via lunedì mattina i tirocini formativi programmati all’interno della collaborazione tra la Confesercenti Sicilia e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell’ambito dell’intesa con Confesercenti nazionale. Leggi tutto “Da lunedì pronti i tirocini formativi nelle aziende aderenti alla Confesercenti area Sicilia centro meridionale”

La “gettonopoli” dei consiglieri comunali di Siracusa denunciata dai grillini aretusei

vermexio2SIRACUSA – Continua ad avere grande attenzione, così come ad accendere le polemiche, l’inchiesta “gettonopoli” del Movimento 5 Stelle di Siracusa sui gettoni ai consiglieri comunali del Comune capoluogo e i rimborsi alle aziende che li hanno quali dipendenti. Leggi tutto “La “gettonopoli” dei consiglieri comunali di Siracusa denunciata dai grillini aretusei”